Non rubare. Cibo, lavoro, comandamento

Risultato della ricerca: LibroBook

Abstract

[Ita:]Non rubare è una legge fondamentale per ogni convivenza. Questo vale tanto dal punto di vista laico della morale e del diritto quanto dal punto di vista delle religioni. Ma ha senso un dovere, una legge, un comandamento di non rubare che non coinvolga subito il cibo e il lavoro? Il divieto di rubare, infatti, non vale da solo, in astratto, si incarna nelle condizioni di vita, e quindi nel cibo, nel lavoro, e nel rispetto per gli altri (non desiderare). Non rubare si misura con tutta la vita. Anche se non basta per sfuggire alla tentazione, il modo migliore per non rubare è di mettersi (e di mettere) nelle condizioni per non averne bisogno, vale a dire di vivere e mangiare del proprio lavoro. Solo così si rivela cos’è rubare. Divide et impera dicevano gli antichi romani. Dal cibo e dal lavoro che si dividono viene avanti un sistema di potere che a seconda dei casi e delle opportunità esalta il cibo e deprime il lavoro, che soffia sul lavoro mettendo tra parentesi il cibo, che li enfatizza entrambi in modi e luoghi distinti e separati come abitassero in case diverse. Separando, è possibile tutto e il contrario di tutto, senza nemmeno accorgersi delle assurdità che ne derivano.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Do not steal. Food, work, commandment
Lingua originaleItalian
EditoreCASTELVECCHI
Numero di pagine96
ISBN (stampa)9788832822380
Stato di pubblicazionePubblicato - 2017

Keywords

  • lavoro, cibo, comandamento, rubare

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Non rubare. Cibo, lavoro, comandamento'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo