“Nolebat quod prevaleret falsitas veritati”: I falsi, Innocenzo III e lo stilus curiae

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Lo studio di un caso giurisdizionale a lungo dibattuto sia in sede locale sia alla curia papale tra XII e XIII secolo consente di cogliere le modalità di falsificazioni dei documenti papali e i sistemi per riconoscere i falsi e i falsari. In particolare un documento in favore della chiesa di Paciliano (soggetta alla pieve di Casale Monferrato) attribuito a Celestino III viene attentamente esaminato e, sulla base di elementi interni ed esterni, giudicato "falso".
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] "He did not like what prevaleret false is" 1 false Innocenzo 3 e lo stile House
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteStilus – Modus – Usus. Regeln der Konflikt- und Verhandlungsführung am Papsthof des Mittelalters. Rules of Negotiation and Conflict Resolution at the Papal Court in the Middle Ages
Pagine137-158
Numero di pagine22
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019

Keywords

  • Casale Monferrato
  • Decretali
  • Decretals
  • Falsi documenti papali
  • Innocent III
  • Innocenzo III
  • customs of the Roman Curia
  • diritti parrocchiali
  • falsifications of papal documents
  • parish rights
  • usi della curia papale

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di '“Nolebat quod prevaleret falsitas veritati”: I falsi, Innocenzo III e lo stilus curiae'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo