Nocturnus (CIL V, 4287): il doppio Attis-Plutone e Noctulius suo doppio

Guido Migliorati, Donato Fasolini

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

L'epigrafe di Brescia CIL V, 4287 è una dedica al misterioso Nocturnus. L'indagine relativa all'iconografia, alla tradizione erudita del XVI secolo ma soprattutto al demone paredro di Attis denominato Nocturnus consente di sbrogliare la matassa di doppi onomastici, ravvisando nella divinità celebrata un nume ctonio rappresentato stilisticamente come Plutone e culturalmente riconducibile all'aspetto lunare e infernale di Attis
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Nocturnus (CIL V, 4287): the double Attis-Pluto and Noctulius its double
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteL'iscrizione e il suo doppio
Pagine331-341
Numero di pagine11
Stato di pubblicazionePubblicato - 2014
EventoConvegno AIEGL Borghesi 2013 - Bertinoro
Durata: 6 giu 20138 giu 2013

Serie di pubblicazioni

NomeEpigrafia e Antichità

Convegno

ConvegnoConvegno AIEGL Borghesi 2013
CittàBertinoro
Periodo6/6/138/6/13

Keywords

  • Attis
  • Nocturnus
  • Notturno

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Nocturnus (CIL V, 4287): il doppio Attis-Plutone e Noctulius suo doppio'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo