Nessuno genera se non riconosce di essere stato generato. Il ruolo dell’adulto: alcune riflessioni ed esempi nella Letteratura Italiana dell’Otto-Novecento

Elena Rondena

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]«La perfezione della virtù», come afferma san Tommaso D’Aquino, si raggiunge con l’aiuto di «altri». Partendo da questo assunto si propone un percorso otto-novecentesco, che da Foscolo arriva fino a Levi, passando per Dante, Manzoni, Pascoli, De Marchi, Collodi, Mastronardi. I modelli e gli esempi presentati mostrano come la questione educativa delle future generazioni dipenda proprio dagli adulti e nello stesso tempo elevano la letteratura italiana ad ambito privilegiato per approfondire alcune delle fondamentali dinamiche antropologiche.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Nobody generates if they don't recognize that they have been generated. The role of the adult: some reflections and examples in the Italian literature of the nineteenth-twentieth century
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)56-68
Numero di pagine13
RivistaDISPUTATIONES SCIENTIFICAE UNIVERSITATIS CATHOLICAE IN RUŽOMBEROK
Volume2021
Stato di pubblicazionePubblicato - 2021

Keywords

  • Educazione
  • Adulto
  • Collodi
  • Levi
  • Letteratura
  • Dante
  • Foscolo
  • Manzoni

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Nessuno genera se non riconosce di essere stato generato. Il ruolo dell’adulto: alcune riflessioni ed esempi nella Letteratura Italiana dell’Otto-Novecento'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo