Musicoterapia e disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività (ADHD): un incontro possibile?

Elisa Zugno

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Il raggio di azione della musicoterapia nell'ambito delle problematiche psicologiche è oggi ampio, ma le esperienze del suo impiego per il trattamento dell'ADHD sono ancora poche. Nonostante questo, vi sono alcune caratteristiche intrinseche all'approccio musicale che motivano l'aspettativa di ottenere progressi nel decorso del disturbo grazie al suo utilizzo. Viene presentato un progetto volto a sviluppare capacità di attenzione selettiva e sostenuta, di autoregolazione e di adattamento ai ritmi esterni in un bambino con ADHD grazie a giochi musicali. L'analisi dei dati ha rivelato che la musica ha favorito il recupero di alcune competenze cognitivo-comportamentali carenti nel caso studiato.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Music therapy and attention deficit hyperactivity disorder (ADHD): a possible meeting?
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)215-222
Numero di pagine7
RivistaDISTURBI DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ
Volume5
Stato di pubblicazionePubblicato - 2010

Keywords

  • ADHD
  • Music therapy

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Musicoterapia e disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività (ADHD): un incontro possibile?'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo