Mendicanti e itineranti: un binomio inscindibile

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Si considera la forte mobilità di Francesco e dei primi frati, che vissero senza conventi stabili e in uno stato di continua itineranza almeno fino al 1223, quando la sede apostolica approvò la regola dei frati Minori. Analoga disposizione, legata soprattutto alle necessità dello studio e della predicazione, si può notare per i frati Predicatori, anche se questi ultimi tendevano fin dall'inizio a stabilirsi in sedi stabili. Il caso di Giordano di Sassonia, morto in un naufragio durante un viaggio verso la Terra Santa, costituisce un interessante esempio, offerto dalla sua propria testimonianza nelle lettere indirizzate a Diana d'Andalò, alle suore di Bologna e di Treviri. La scelta dei primi frati si ispira a modelli ben rappresentati nel mondo cittadino, quale quello della vita del mercante.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Beggars and itinerant people: an inseparable combination
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteFrati mendicanti in itinere (secc. XIII-XIV), Atti del XLVII Convegno internazionale (Assisi-Magione, 17-19 ottobre 2019)
Pagine21-57
Numero di pagine37
VolumeXLVII
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Serie di pubblicazioni

NomeATTI DEI CONVEGNI DELLA SOCIETÀ INTERNAZIONALE DI STUDI FRANCESCANI E DEL CENTRO INTERUNIVERSITARIO DI STUDI FRANCESCANI.

Keywords

  • Francesco d' Assisi
  • Francis of Assisi
  • Giacomo di Vitry
  • Giordano di Sassonia
  • Gregorio IX
  • Gregory IX
  • Honorius III
  • Hospices
  • James of Vitry
  • Jordan of Saxony
  • Onorio III
  • Ospizi

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Mendicanti e itineranti: un binomio inscindibile'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo