Max Huber: sinestesie tra grafica e pittura

Chiara Mari

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Fin dal periodo di formazione nella Zurigo degli anni Trenta, ricerca pittorica di matrice astratto-concreta e ricerca ‘applicata’ alla pubblicità, all’editoria e alla tipografia sono strettamente connesse nella metodologia di lavoro di Max Huber, in linea con la concezione di unità delle arti derivante dal Bauhaus. Questi sconfinamenti conferiscono alla sua grafica un’eleganza e una forza comunicativa sempre lontane da soluzioni facili o banali, secondo un’idea di cultura progettuale al servizio dell’uomo e della società.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Max Huber: synaesthesia between graphics and painting
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)N/A-N/A
RivistaAIS / DESIGN
VolumeI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2013

Keywords

  • Max Huber
  • grafica
  • pittura

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Max Huber: sinestesie tra grafica e pittura'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo