Locus of control e autostima in bambini italiani di scuola primaria autori e oggetto di prevaricazioni

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Lo studio intende esaminare le differenze esistenti tra bulli, vittime, bulli-vittime e non coinvolti nel bullismo in relazione alla dimensione psicologica del locus of control e ad alcune aree dell’autostima: globale, interpersonale, scolastica, familiare. A un campione di 197 alunni di scuola primaria (99 maschi e 98 femmine; fascia di età: 8-12 anni) sono stati somministrati la Nowicki-Strickland locus of control Scale (Nowicki, Strickland, 1973), per rilevare l’esternalità del locus of control, il questionario “Cosa penso di me” (Five-Scale Test of Self-Esteem for Children) (Pope, McHale, Craighead, 1988) per misurare l’autostima in aree diverse e il questionario “Io e i miei compagni” (Caravita, 2004), utilizzato per individuare un gruppo di bulli, un gruppo di vittime e un gruppo di bulli-vittime posti a confronto tra loro e in relazione a tre gruppi di controllo di compagni non coinvolti, appaiati per sesso ed età. I dati raccolti hanno evidenziato il ruolo del bullo-vittima come quello caratterizzato dal maggiore disagio e hanno rilevato differenze dei ruoli di prevaricazione tra loro e rispetto ai gruppi di controllo. Parole chiave: bullismo, autostima, locus of control, attribuzione.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Locus of control and self-esteem in Italian primary school children authors and subject to abuse
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)77-94
Numero di pagine18
RivistaRASSEGNA DI PSICOLOGIA
Stato di pubblicazionePubblicato - 2007

Keywords

  • attribution
  • bullying
  • cognition
  • locus of control
  • victimization

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Locus of control e autostima in bambini italiani di scuola primaria autori e oggetto di prevaricazioni'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo