Locazione commerciale ed affitto di ramo d’azienda al tempo del CoViD-19: quali risposte dal sistema del diritto contrattuale?

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Il contributo si occupa dell’incidenza dell’emergenza sanitaria sui contratti di locazione commerciale e di affitto di ramo d’azienda e si interroga sulle tecniche che possano consentire di fare ricadere sul locatore/concedente – piuttosto che sul solo conduttore – i costi del lockdown (specie per quei settori direttamente coinvolti dal blocco delle attività commerciali). All’esito dell’indagine si conclude nel senso che una tecnica rimediale praticabile sia nel nostro caso quella di cui all’art. 1464 c.c., regolante gli effetti dell’impossibilità parziale della prestazione nei contratti sinallagmatici. Per un verso la disposizione sembra idonea a regolare i casi di impossibilità temporanea nei contratti di durata; per altro verso, essa disciplina una tecnica rimediale certo equilibrata, legittimando una equa riduzione (quantificabile in ragione delle concrete vicende del rapporto e non necessariamente coincidente con l’intero canone di locazione/affitto dovuto) della prestazione dovuto in corrispettivo di quella divenuta impossibile.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Commercial lease and business unit lease at the time of CoViD-19: what responses from the contract law system?
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)102-109
Numero di pagine8
RivistaLA NUOVA GIURISPRUDENZA CIVILE COMMENTATA
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • Locazione commerciale
  • Covid-19
  • Impossibilità sopravvenuta
  • Affitto d'azienda

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Locazione commerciale ed affitto di ramo d’azienda al tempo del CoViD-19: quali risposte dal sistema del diritto contrattuale?'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo