Lo sviluppo dell'innovazione tra geo-spazialità e spazialità relazionale. Best practices tra i parchi scientifici tecnologci italiani

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Nuove sfide competitive richiedono di prestare una particolare attenzione alla modalità con cui sviluppare l innovazione. A tal fine, per realizzare il trasferimento tecnologico, si determina sempre più l affermarsi di relazioni collaborative tra imprese, università, istituzioni pubbliche. L autore sostiene che tali relazioni possono essere supportate e facilitate dai Parchi Scientifici Tecnologici (PST). L autore analizza quindi due PST, benchmarks nel contesto italiano e internazionale, indagando relativi progetti di R&S. L analisi porta a sostenere che i PST possono contribuire in modo efficace allo sviluppo dell innovazione se in grado di promuovere lo sviluppo di una rete non solo di insediati caratterizzati da una prossimità geo-spaziale bensì di un network caratterizzato da una prossimità spazio-relazionale.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The development of innovation between geo-spatiality and relational spatiality. Best practices among Italian science and technology parks
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)35-54
Numero di pagine20
RivistaMERCATI E COMPETITIVITÀ
Volume2
Stato di pubblicazionePubblicato - 2011

Keywords

  • science parks
  • innovation
  • geographic proximity
  • spatial relationships
  • triple helix model
  • relational proximity

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Lo sviluppo dell'innovazione tra geo-spazialità e spazialità relazionale. Best practices tra i parchi scientifici tecnologci italiani'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo