Abstract

[Ita:]«L'epidemia che ci ha colpito si è manifestata con la violenza dell'imprevedibile» eppure prevedere e decidere il proprio benessere è oggi tra le condizioni principali della nostra società. Uno dei filosofi attuali più lucidi riflette sul dramma del coronavirus a partire dalle parole che usiamo per spiegare questo evento e le sue conseguenze: perché il "futuro" è diverso dall'"avvenire", il "mondo" dal "reale", la "scienza" dagli "scienziati", l'"ottimismo" dalla "speranza", ma anche perché la modalità del "morire" ci ha atterrito più della "morte" in sé, fino a comprendere che l'autentica "libertà" non consiste nel fare ciò che si vuole. Come ci ha cambiato l'epidemia? Che cosa possiamo fare per non farci sopraffare? «dovremmo essere più seri nel vivere il tempo, che non è mai solo il "nostro tempo", il tempo delle nostre "urgenze private"», afferma l'autore indicando un atteggiamento per il "dopo" e citando La peste di Camus: «bisogna restare, accettare lo scandalo, cominciare a camminare nelle tenebre e tentare di fare il bene».
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The scandal of the unpredictable. Think about the epidemic
Lingua originaleItalian
EditoreInterlinea Edizioni
Numero di pagine71
ISBN (stampa)978-88-6857-341-6
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • Imprevedibile
  • Antropologia
  • Epidemia

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Lo scandalo dell'imprevedibile. Pensare l'epidemia'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo