L'isola che non c'è. La letteratura italiana contemporanea nella formazione degli insegnanti

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]L’articolo discute polemicamente l’indebita esclusione del SSD L-FIL-LET/11 (Letteratura italiana contemporanea) dai requisiti disciplinari e metodologici previsti per l’insegnamento scolastico nelle classi di concorso A-11, A-12, A-13 e A-22. Tale esclusione, infatti, oltre che anomala rispetto al criterio di inclusività adottato in altre aree disciplinari, non può che avere ripercussioni negative sulla formazione dei futuri docenti di Italiano e di Discipline letterarie nella scuola secondaria. La rivendicazione di un ruolo all’interno della formazione universitaria di questa categoria professionale non obbedisce a ragioni di difesa corporativa del settore; dipende invece dall’obiettiva constatazione della profonda differenza che sussiste tra lo statuto epistemologico della Letteratura italiana contemporanea e l’approccio ai fatti letterari proprio dei colleghi generalisti. Ciò, peraltro, come si dimostra con abbondanza di prove nella seconda parte dell’intervento, è perfettamente coerente con le caratteristiche peculiari della modernità letteraria e del suo rapporto con la tradizione.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Neverland. Contemporary Italian literature in teacher training
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)31-40
Numero di pagine10
RivistaLA MODERNITÀ LETTERARIA
VolumeXIII
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • Letteratura italiana contemporanea
  • Formazione insegnanti di Lettere
  • Sistema dei generi letterari
  • Canone e anticanone
  • Esame di Stato

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'L'isola che non c'è. La letteratura italiana contemporanea nella formazione degli insegnanti'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo