L’inserimento del figlio naturale nella famiglia legittima: l’art. 252 cod. civ. tra molteplici percorsi interpretativi

Andrea Renda, 27264, DI ECONOMIA E GIURISPRUDENZA FACOLTA', PIACENZA - Dipartimento di Scienze giuridiche

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Il saggio prende in esame in prospettiva problematica la fattispecie dell’inserimento del figlio naturale nella famiglia legittima del genitore che lo ha riconosciuto, di cui all’art. 252 c.c. Tale norma, da porre in stretta correlazione con il limite costituzionale all’equiparazione tra filiazione legittima e filiazione naturale, mira a contemperare interessi potenzialmente in conflitto attraverso un meccanismo di complessa natura e variamente interpretato dalla dottrina. Numerosi e ambivalenti sono infatti gli elementi normativi della fattispecie –autorizzazione giudiziale, consenso ed età degli interessati- idonei a ricomporsi in frammenti normativi significativamente divergenti, a seconda delle possibilità combinatorie prescelte dall’interprete. L’articolo mira a dimostrare come, a fronte di tali molteplici opzioni interpretative, sia dato addivenire a ricostruzioni complessive dell’istituto di diverso segno, ora più inclini a farne il presidio dell’unità spirituale della famiglia legittima, ora invece più sensibili al bilanciamento con gli interessi del minore.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The inclusion of the natural child in the legitimate family: art. 252 cod. civ. between multiple interpretative paths
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)463-485
Numero di pagine23
RivistaRASSEGNA DI DIRITTO CIVILE
VolumeXXVI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2005

Keywords

  • diritto della famiglia

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'L’inserimento del figlio naturale nella famiglia legittima: l’art. 252 cod. civ. tra molteplici percorsi interpretativi'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo