L'infermità mentale al vaglio delle Sezioni Unite

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Con l'importante sentenza in commento - Cassazione penale, Sezioni Unite, 8 marzo 2005, n. 9163 - la Corte di cassazione impone un'intepretazione ampliativa e adeguatrice dell'espressione "infermità", facendo proprio quell'orientamento a favore di un concetto meno medico e più psicologico di malattia mentale. Conseguentemente anche ai disturbi di personalità, fra i disturbi mentali, si riconosce la qualifica di infermità ex artt. 88 e 89 c.p., ma soltanto ove siano di consistenza, intensità, rilevanza e gravità tali da concretamente incidere sulla capacità di intendere o di volere. La sentenza in commento però non offre indicazioni, lasciando la questione aperta, in base a quali criteri valutativi si possa affermare che il disturbo di personalità possa aver inciso, eliminando ovvero attenuando, la capacità di intendere o di volere del soggetto.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Mental illness under consideration by the United Sections
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)853-863
Numero di pagine11
RivistaDIRITTO PENALE E PROCESSO
Stato di pubblicazionePubblicato - 2005

Keywords

  • Imputabilità
  • Infermità mentale

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'L'infermità mentale al vaglio delle Sezioni Unite'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo