Liberté de Religion dans le contexte établi selon le Traité de Lisbonne

Giorgio Feliciani

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]L’articolo della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea riguardante la libertà di pensiero, di coscienza e di religione non mette pienamente in luce l’autonomia delle confessioni. Peraltro diverse considerazioni inducono a ritenere che esso tuteli non solo le singole persone ma anche i gruppi religiosi. Una interpretazione che trova chiara conferma nella disposizione del Trattato sul funzionamento dell’Unione che impegna la stessa a mantenersi in dialogo con le chiese, un dialogo che può riguardare le più svariate materie fino alle stesse fonti di ispirazione del Trattato sull’Unione. Si segnala, quindi, la presenza in alcuni Paesi dell’Unione di tendenze ispirate a un pregiudizio religioso e specificamente anticristiano e si richiama l’attenzione sulle gravissime violazioni della libertà religiosa che si realizzano nel mondo.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Freedom of Religion in the context established by the Lisbon Treaty
Lingua originaleFrench
pagine (da-a)1-8
Numero di pagine8
RivistaSTATO, CHIESE E PLURALISMO CONFESSIONALE
Stato di pubblicazionePubblicato - 2012

Keywords

  • Libertà religiosa
  • Trattato di Lisbona

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Liberté de Religion dans le contexte établi selon le Traité de Lisbonne'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo