Libertà e ragione nel dibattito bioetico: appunti sulla contraddittorietà apparente dell'esigenza razionale

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Uno dei motivi della difficoltà attuale nel discorso etico e bioetico è data dalla antecedenza tra la riflessione etica e quella teoretica. Vale a dire: ci si chiede subito che cosa si debba fare, senza interrogarsi seriamente su che cosa sia ciò di cui stiamo ragionando. È questo, peraltro, un riflesso della trasformazione della questione etica nel passaggio dalla riflessione classica a quella moderna e, poi, postmoderna: la domanda passa infatti, da “chi devo essere” (per essere felice) a “che cosa devo fare”, ritenendo, sulla scia di Kant, che il discorso sulla felicità sia fonte ed espressione di eteronomia. Il presente contributo propone l’accostamento di alcuni punti della proposta teorica di H.T.Engelhardt, Apel e Jonas per valutare se una riflessione che neghi un sapere (episteme) sull’identità dell’uomo non giunga ad esigerlo alla fine, pena la contraddittorietà della ragione e la frantumazione del soggetto.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Freedom and reason in the bioethical debate: notes on the apparent contradiction of the rational need
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteFede e Ragione: l'incontro e il cammino
EditorGiulio Maspero, Miguel Pérez de Laborda
Pagine223-231
Numero di pagine9
Stato di pubblicazionePubblicato - 2011

Keywords

  • Bioetica
  • Morale
  • Ragione
  • bioethics
  • ethics
  • reason

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Libertà e ragione nel dibattito bioetico: appunti sulla contraddittorietà apparente dell'esigenza razionale'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo