L'epitaffio per il cane Zabot attribuito a Petrarca

Angelo Piacentini

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]L’epitaffio al cane Zabot, annoverato tra carmina minora del Petrarca, è analizzato dal punto di vista intertestuale e nella sua struttura retorica. La ricognizione nella tradizione manoscritta ha rilevato una fortuna circoscritta alla seconda metà del XV e al XVI secolo, per lo più all’interno di ampie sillogi di epigrammi umanistici. Non si rileva invece la sua presenza nelle raccolte compatte di carmina autenticamente petrarcheschi. Viene inoltre riconosciuta una citazione del distichon nell’ultima redazione del De vero bono di Lorenzo Valla, posto sulla bocca di Maffeo Vegio, uno dei personaggi del dialogo. Lo studio della tradizione diretta e indiretta ha consentito di stabilire un più corretto assetto testuale e revocare in dubbio l’attribuzione al Petrarca.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The epitaph for the dog Zabot attributed to Petrarch
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)189-212
Numero di pagine24
RivistaStudi Petrarcheschi
VolumeXXIII 2010
Stato di pubblicazionePubblicato - 2010

Keywords

  • Lorenzo Valla
  • Petrarca
  • Petrarch

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'L'epitaffio per il cane Zabot attribuito a Petrarca'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo