Leggere, scrivere, osservare: la performance del contenuto tra pratiche relazionali e reciprocità di sguardi

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Il capitolo ha l’obiettivo di individuare, nel più generale stare su Facebook, le pratiche di produzione e condivisione di contenuti, le forme estetiche prevalenti, le strategie di messa in rete e circolazione di prodotti mediali e generati dagli utenti. Ciò che si vuole sottolineare è come tali pratiche siano da leggersi: a) sia all’interno dello sviluppo di nuove potenzialità di consumo mediale – attraverso la manipolazione e l’utilizzo di contenuti digitali di derivazione istituzionale o User Generated Content (UGC); b) sia nella più generale ricerca da parte dei soggetti di forme identitarie da costruire, ricostruire ed esibire attraverso i consumi mediali; c) sia alle luce delle caratteristiche costitutive dei social network in cui troviamo sviluppata una coalescenza tra online e offline, mondo vicino e lontano, pubblico e privato e che li definisce come ambienti di condivisione che costruiscono, rappresentano, problematizzano le relazioni e gli sguardi reciproci.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Reading, writing, observing: the performance of the content between relational practices and reciprocity of looks
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteFenomenologia dei social network. Presenza, relazioni e consumi mediali degli italiani online
Pagine77-97
Numero di pagine21
Stato di pubblicazionePubblicato - 2017

Keywords

  • Domestication
  • Internet
  • Social network

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Leggere, scrivere, osservare: la performance del contenuto tra pratiche relazionali e reciprocità di sguardi'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo