Le parole della vita pubblica. Crisi e trasformazioni di un orizzonte comune

Paolo Monti (Editor), Stefano Stortone (Editor)

Risultato della ricerca: LibroOther report

Abstract

[Ita:]Il volume Le parole della vita pubblica: crisi e trasformazioni di un orizzonte comune, a cura di Paolo Monti e Stefano Stortone, intreccia in maniera originale il loro contributo di ricerca con quello di tre importanti autori internazionali - Giampaolo Azzoni, Dario Castiglione, Paul J. Weithman - ciascuno dei quali affronta, dal proprio punto di vista, il tema della crisi della politica e della democrazia, con particolare attenzione per l’erosione dei concetti e degli schemi di pensiero tipici della modernità: la ragione pubblica di impronta liberale, il diritto positivo, le sfere e gli attori sociali, la rappresentanza e le istituzioni democratiche, il significato ed il ruolo della politica in relazione con la religione, la scienza e l’economia. Si tratta di elementi rispetto ai quali gli assetti consolidati sono oggi in forte crisi o stanno attraversando complessi processi di trasformazione identitaria che evidenziano in ogni caso una necessità di una riformulazione dei modi di immaginarli e descriverli. Questa spinta verso un rinnovamento delle modalità paradigmatiche di rappresentare e concepire la realtà sociale e le sue forme è comune in tutti gli autori e in ciascuno di essi è possibile rintracciare elementi di originalità di analisi che aprono prospettive di ricerca e riflessione ulteriori.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The words of public life. Crisis and transformations of a common horizon
Lingua originaleItalian
EditoreMarcianum
Numero di pagine148
ISBN (stampa)8865121475
Stato di pubblicazionePubblicato - 2012

Keywords

  • Cittadinanza
  • Democrazia
  • Etica della cittadinanza
  • Ragione pubblica
  • Religione e politica
  • Sfera pubblica

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Le parole della vita pubblica. Crisi e trasformazioni di un orizzonte comune'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo