Abstract

[Ita:]Qual è il compito del filosofo? A questa domanda vuole rispondere l’Enciclopedia filosofica, un corso di avviamento allo studio della filosofia che Kant tenne più volte dal 1767 al 1782. Ai suoi uditori egli spiega come la filosofia non si possa apprendere da un professore né imparare dai libri, ma debba costituire un modello per la spiegazione della realtà in cui l’uomo agisce; li incita inoltre a pensare da sé, nello spirito dell’Aufklärung. Kant propone l’idea del filosofo come guida e legislatore della ragione, che sa orientare l’uomo verso la comprensione delle questioni cruciali del sapere. Nel tradurre il lungo frammento, disadorno e talvolta oscuro, Laura Balbiani si è mantenuta fedele all’originale, riuscendo però a rendere scorrevole il testo. Della traduttrice è anche l’efficace introduzione alla lettura, che mette in luce le strategie espositive e didattiche di Kant.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Kant's lessons between orality and writing
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteEnciclopedia filosofica.
EditorL Balbiani
Pagine63-85
Numero di pagine23
Volume76
Stato di pubblicazionePubblicato - 2003

Serie di pubblicazioni

NomeTESTI A FRONTE

Keywords

  • terminology
  • Kant

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Le lezioni di Kant tra oralità e scrittura'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo