Le donne nelle migrazioni internazionali: immagini e realtà di una risorsa nascosta der regimi di welfare

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Sebbene la componente femminile accompagni in modo significativo già le grandi migrazioni di fine '800-inizio '900, nella letteratura internazionale, le donne sembrano essere relegate a posizioni subalterne e marginali: esse risultano essere, per lungo tempo, pressoché invisibili, poiché emigrano in seguito a decisioni prese da altri o rimangono (le cosiddette ‘vedove bianche’) nei paesi di partenza dei migranti. Quando compaiono, a partire dalla metà degli anni ’70, la loro presenza viene perlopiù descritta come un problema sociale. Più recentemente, la ricerca sociale comincia a porre maggiore attenzione alla componente femminile, sia a partire da un dato molto pragmatico - la presenza quantitativamente massiccia di donne nei flussi migratori – sia sulla spinta degli studi di impronta femminista sviluppatisi negli ultimi decenni. La presenza femminile, inoltre, provoca a focalizzare il rapporto tra migranti e welfare aprendo il discorso su molteplici aspetti del fenomeno migratorio e della convivenza sociale. Le lavoratrici migranti offrono infatti un importante contributo alla ridefinizione dei sistemi di welfare e mettono in campo risorse di vario genere in tale ambito.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Women in international migration: images and reality of a hidden resource deriving from welfare regimes
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)149-178
Numero di pagine30
RivistaSTUDI DI SOCIOLOGIA
Stato di pubblicazionePubblicato - 2003

Keywords

  • Donne
  • Migrazioni
  • Welfare

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Le donne nelle migrazioni internazionali: immagini e realtà di una risorsa nascosta der regimi di welfare'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo