Le disfunzioni sessuali maschili in pazienti con insufficienza renale cronica end stage ed in pazienti sottoposti a trapianto renale

Franco Citterio, Marco Racioppi, Emilio Sacco, Pierfrancesco Bassi, Gaetano Gulino, Giuseppe Palermo, Alessandro D'Addessi, Francesco Pinto, Fabrizio Presicce

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

[Ita:]Scopo del lavoro Scopo del presente studio è stato valutare la prevalenza di disfunzioni sessuali (disfunzione erettile e ipogonadismo) in pazienti di sesso maschile affetti da insufficienza renale cronica (IRC) end-stage in trattamento emodialitico ed in pazienti sottoposti a trapianto renale. Sono stati valutati inoltre i fattori predisponenti la disfunzione erettile (DE), con particolare attenzione all’assetto ormonale nei due gruppi di pazienti. Materiali e metodi Lo studio è stato condotto su 95 pazienti di età compresa tra 20 e 65 anni: 44 in trattamento dialitico da più di un anno e 51 sottoposti a trapianto renale da più di 6 mesi. Sono state registrate accuratamente le comorbidità, è stata valutata la funzione erettile con questionario IIEF5 e sono stati testati i livelli serici di testosterone totale/libero e la prolattina. Per valutare le relazioni tra DE e test clinico-laboratoristici sono stati utilizzati i test statistici del T di Student (variabili quantitative), il chi-quadro (variabili qualitative), l’analisi uni e multivariata. Risultati Nei pazienti dializzati ed in quelli sottoposti a trapianto renale è stata riscontrata alta prevalenza di DE, rispettivamente nel 70% e nel 65% dei casi. Tra i pazienti con età superiore a 50 anni, la percentuale di coloro che presentano DE è molto maggiore di quella dei soggetti non affetti da DE, rispettivamente 61% vs. 31%, p=0,006 nei dializzati; un’iperprolattinemia è stata riscontrata rispettivamente nel 23% e nel 20% dei due gruppi. Il 59% dei dializzati del gruppo ha presentato valori plasmatici di testosteronemia totale inferiore a 250ng/dl con una significativa differenza tra coloro che erano affetti da DE e quelli esenti da DE (65% vs. 46%, p=0,019), mentre nei trapiantati è stata riscontrata solo nel 37%; inoltre non appare statisticamente significativa la sua correlazione con l’insorgenza di DE (p=0,12). All’analisi univariata e multivariata sono risultati 200 poster significativamente correlati con la DE l’età superiore a 50 anni, il diabete ed una condizione di ipotestosteronemia. Discussione I pazienti con insufficienza renale cronica end-stage presentano un notevole deterioramento della qualità della vita, disfunzioni sessuali ed in particolare elevata frequenza di disfunzione erettile a causa delle comorbidità, della patologia in sé ma anche per le terapie correlate. L’IRC end-stage è un fattore che accelera e aggrava i meccanismi fisiopatologici alla base della comparsa di DE che si instaurano normalmente con l’avanzare dell’età. Conclusioni La DE nei pazienti con IRC end-stage ed in quelli che hanno beneficiato di trapianto ha una prevalenza spiccata; elemento questo, che spesso sfugge o viene poco rimarcato in letteratura. L’ipotestosteronemia appare un fattore di rischio per l’insorgenza di DE in pazienti con insufficienza renale cronica end-stage. La prevalenza di ipogonadismo significativamente inferiore tra trapiantati e dializzati suggerisce che il trapianto renale possa avere un ruolo protettivo della sfera sessuale di questi pazienti.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Male sexual dysfunctions in patients with end stage chronic renal failure and in patients undergoing renal transplantation
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLibro abstract dell'84° congresso SIU
Pagine199-200
Numero di pagine2
Stato di pubblicazionePubblicato - 2011
Evento84° congresso SIU - Roma
Durata: 23 ott 201126 ott 2011

Convegno

Convegno84° congresso SIU
CittàRoma
Periodo23/10/1126/10/11

Keywords

  • DISFUNZIONE SESSUALE
  • INSUFFICIENZA RENALE CRONICA

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Le disfunzioni sessuali maschili in pazienti con insufficienza renale cronica end stage ed in pazienti sottoposti a trapianto renale'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo