Le confische e i sequestri in materia di reati tributari dopo il 'decreto fiscale' n. 124 del 2019

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Il tratto qualificante della riforma dei reati tributari in materia di imposte dirette ed IVA attuata con il d.l. n. 124 del 2019, convertito con modificazioni nella l. n. 157 del 2019, risiede, da un lato, nell’inasprimento delle pene detentive, dall’altro lato, nell’introduzione di inedite sanzioni patrimoniali. La nuova confisca “allargata” disciplinata dal combinato disposto degli artt. 12 ter d. lgs. n. 74 del 2000 e 240 bis c.p. prevista per la massima parte dei reati fiscali contestati al contribuente persona fisica si affianca alla confisca ex art. 19 d. lgs. n. 231 del 2001 applicabile alla “persona giuridica” per i nuovi reati presupposto individuati dall’art. 25 quinquiesdecies d. lgs. n. 231 del 2001 commessi nell’interesse o a vantaggio dello stesso ente (da ultimo modificato con l’attuazione della Direttiva PIF). Si impone una lettura sistematica della materia, ispirata alla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo e della Corte costituzionale, per limitare il rischio di pene sproporzionate, anche a fronte di una prassi che utilizza ampiamente la confisca ex art. 12 bis d. lgs. n. 74 del 2000 e, nei confronti dell’evasore seriale, la confisca di prevenzione, anticipando tali sanzioni con altrettanti sequestri.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Confiscations and seizures relating to tax crimes after the 'fiscal decree' n. 124 of 2019
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)290-320
Numero di pagine31
RivistaDIRITTO PENALE CONTEMPORANEO
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • Confische reati tributari
  • procedimento penale

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Le confische e i sequestri in materia di reati tributari dopo il 'decreto fiscale' n. 124 del 2019'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo