L'armonizzazione europea della tassa rifiuti. L'applicazione del principio pay as you throw

Alessandro Tropea

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]La Direttiva 2018/851/UE, che dovrà essere recepita entro il 5 luglio 2020, impone agli Stati membri dell’Unione europea di istituire sistemi di tassazione dei rifiuti che devono incidere solo sull’inquinatore. Il prelievo dovrà essere parametrato sull’effettiva quantità di rifiuti generati. Dunque, qualsiasi forma di prelievo in materia di rifiuti dovrà assumere l’effetto di disincentivare scelte inquinanti e promuovere, invece, procedure di riciclo delle materie prime. Attualmente, negli ordinamenti nazionali vigono tributi che si uniformano più al principio “user pays” (l’utente paga il tributo anche se non è lui l’inquinatore), piuttosto che al principio “pay as you throw” (si paga l’imposta in base a ciò che si butta). La Direttiva, in forza di quest’ultimo principio, intende promuovere un sistema di tassazione proteso a salvaguardare l’ambiente, ma ciò – evidenzia il legislatore europeo – non può prescindere dall’armonizzazione dei sistemi nazionali di tassazione degli scarti.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The European harmonization of the waste tax. The application of the pay as you throw principle
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)703-720
Numero di pagine18
RivistaDIRITTO E PRATICA TRIBUTARIA INTERNAZIONALE
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019
Pubblicato esternamente

Keywords

  • Imposizione europea
  • tassazione dei rifiuti e degli scarti
  • economia circolare
  • tributi ambientali

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'L'armonizzazione europea della tassa rifiuti. L'applicazione del principio pay as you throw'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo