L’area del monastero santambrosiano alla luce delle indagini archeologiche

Marco Sannazaro, Maria Pia Rossignani, Maria Silvia Lusuardi Siena

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]La sede centrale dell’Università Cattolica, posta nell’antico complesso monastico cistercense di Sant’Ambrogio, è stata interessata dal 1986 al 1998 da una serie di campagne di scavo archeologico collegate ai lavori di ampliamento edilizio dell’Ateneo; una superficie assai ampia (mq 3500) è stata accuratamente indagata ed ha restituito una grande quantità di materiali e dati utili alla ricostruzione della storia di Milano negli ultimi duemila anni. L’area si colloca nell’ambito del suburbio occidentale della città romana, che conosce in epoca medio e tardoimperiale una frequentazione prevalentemente funeraria e che nel IV secolo vede sorgere le prime basiliche cimiteriali cristiane dedicate al culto dei martiri locali. Il contributo affronta lo studio di un consistente nucleo di sepolture (circa 600), databili tra il III e il V secolo, che offre un campione estremamente significativo della popolazione milanese di quel periodo, delle pratiche e dei rituali funerari utilizzati, degli oggetti preziosi e di uso comune circolanti.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The area of the Santambrosiano monastery in the light of archaeological investigations
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLa fabbrica perfetta e grandiosissima. Il complesso monumentale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore
EditorMARCO ROSSI, ALESSANDRO ROVETTA
Pagine3-33
Numero di pagine31
Stato di pubblicazionePubblicato - 2009

Keywords

  • archeologia
  • università Cattolica

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'L’area del monastero santambrosiano alla luce delle indagini archeologiche'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo