L’anomalia italiana: azioni, interventi, performatività nelle pratiche e nelle attività artistiche degli anni Settanta

Caterina Iaquinta

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Il saggio prende in esame la situazione artistica italiana degli anni Settanta considerando la "performatività" come termine di riferimento per l'analisi di una serie di operazioni artistiche che mettono al centro la soggettività artistica e il tessuto socio-politico sul quale opera. Le istanze politiche diventano così gli elementi di una nuova grammatica del fare artistico che fuoriesce dai consueti e tradizionali canali istituzionali per depositare il suo significato in un territorio libero da convenzioni e mercato e in cui si integrano diversi saperi disciplinari: architettura, arte, performance, teatro. Si affrontano in particolare l'opera di Gianfranco Baruchello, Piero Gilardi, Fabio Mauri, Antonio Paradiso, Riccardo Dalisi.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The Italian anomaly: actions, interventions, performativity in the practices and artistic activities of the seventies
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteAnni Settanta. La rivoluzione nei linguaggi dell'arte
Pagine89-103
Numero di pagine15
Stato di pubblicazionePubblicato - 2015

Keywords

  • Italia, anni settanta, performance, activity, azione, attivismo, impegno politico, teatro di strada, architettura radicale, arte povera, arte sociale, arte politica, spazio pubblico

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'L’anomalia italiana: azioni, interventi, performatività nelle pratiche e nelle attività artistiche degli anni Settanta'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo