L’amore copre molti peccati

Risultato della ricerca: Contributo in libroSchede di catalogo, repertorio o corpus

Abstract

[Ita:]Kierkegaard concepisce l’uomo come un essere relazionale. Il sé umano è determinato nello stesso tempo come un rapporto a se stesso, un rapporto all’altro e un rapporto a Dio. Questi tre rapporti si condizionano e determinano reciprocamente. A mio avviso, ciò che meglio può comprendere e spiegare questa relazionalità, è la concezione dell’uomo come un’essere che può essere determinato attraverso l’amore. E perciò è interessante vedere se nell’universo del pensiero kierkegaardiano è possibile trovare una “costante dell’amore”, una caratteristica nell’amore, che rimane immutata anche se l’amore stesso si mostra sotto molte diverse forme e rapporti. Io ritengo che sia così. Ed è proprio tale “costante dell’amore” che dà all’amore una specie di potere o forza di rendere perfetto un rapporto che è altrimenti caratterizzato da una certa imperfezione, tanto nel rapporto a sé, quanto nel nosto rapporto con Dio e con l’altro. Questa forza si manifesta soprattutto nella capacità dell’amore di coprire molti peccati.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Love covers many sins
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteSøren Kierkegaard. L’essere umano come rapporto. Omaggio a Umberto regina
Pagine133-148
Numero di pagine16
Stato di pubblicazionePubblicato - 2007

Keywords

  • amore
  • peccato
  • pentimento
  • perdono

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'L’amore copre molti peccati'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo