L'alpinismo in età fascista: fra estetica romantica e idealismo superomista

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Il saggio ricostruisce i dibattiti e le esperienze dell'alpinismo italiano in relazione agli sviluppi delle tecniche di arrampicata che portarono al superamento del 6° grado, considerando in particolare la figura del più impegnato teorico dell'alpinismo di allora, Domenico Rudatis, proteso ad affermare il valore "sportivo" e insieme "filosofico" del superamento del limite umano di ascensione in montagna. Ciò considerato in relazione al quadro politico del fascismo degli anni Trenta.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Mountaineering in the fascist age: between romantic aesthetics and super-idealistic idealism
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)61-81
Numero di pagine21
RivistaANNALI DI STORIA MODERNA E CONTEMPORANEA
VolumeVII
Stato di pubblicazionePubblicato - 2001

Keywords

  • Club Alpino Italiano
  • Domenico Rudatis
  • alpinismo
  • fascism
  • fascismo
  • mountain climbing

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'L'alpinismo in età fascista: fra estetica romantica e idealismo superomista'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo