L'ADHD come fattore di rischio dei comportamenti prevaricanti in classe: uno studio pilota

Simona Carla Silvia Caravita, Rosa Angela Fabio, DI PSICOLOGIA FACOLTA', DI PSICOLOGIA FACOLTA'

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Alcuni autori hanno individuato nel DDAI un fattore di rischio per la messa in atto di comportamenti prevaricanti in classe. In questa prospettiva, al fine di analizzare le aree di sovrapposizione e le aree indipendenti fra ragazzi con DDAI e alunni coinvolti nel bullismo, entro un campione di 703 soggetti, allievi del secondo ciclo elementare e studenti di scuola media, sono stati individuati i ragazzi con diversi sottotipi di DDAI e gli studenti bulli, bulli-vittima e vittime di prepotenze. I risultati emersi hanno confermato che il DDAI incrementa il rischio di rendersi autori di prevaricazioni a scuola, individuando nella componente impulsiva del DDAI il fattore correlato alla condotta prepotente.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] ADHD as a risk factor for prevaricating behavior in the classroom: a pilot study
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)329-345
Numero di pagine17
RivistaDIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO
Stato di pubblicazionePubblicato - 2006

Keywords

  • ADHD
  • DDAI
  • attenzione
  • bullismo
  • rischio

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'L'ADHD come fattore di rischio dei comportamenti prevaricanti in classe: uno studio pilota'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo