La traduzione come doppia comunicazione: da Jakobson a Cicerone

Vittoria Prencipe

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]«Ogni modello di comunicazione è al tempostesso un modello di traduzione, di trasferi-mento verticale o orizzontale di significato»(Steiner, Dopo Babele, p. 74).L’affermazione di Steiner è verificabile sia nella societàcontemporanea, dove la traduzione si può definire comeduplice comunicazione tra membri di sistemi linguisticidifferenti, sia nella società latina antica, dove essa è lo stru-mento del quale retori, grammatici, filosofi e drammatur-ghi si servono per introdurre a Roma la tradizione greca.Questo saggio vuole proporre un confronto tra le defini-zioni jakobsoniane di traduzione e comunicazione e l’ap- proccio di Cicerone, attraverso l’analisi della terminolo-gia che l’oratore utilizza in riferimento al suo lavoro ditraduttore
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Translation as double communication: from Jakobson to Cicero
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)90-94
Numero di pagine5
RivistaNUOVA SECONDARIA
Stato di pubblicazionePubblicato - 2016

Keywords

  • Storia della traduzione, Cicerone, Jakobson

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'La traduzione come doppia comunicazione: da Jakobson a Cicerone'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo