La sfida della differenziazione didattica

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]L’elevata eterogeneità odierna del contesto scolastico e il conseguente disorientamento caratterizza, in misura sempre maggiore, l’operato dei docenti, che si sentono spesso impreparati ad affrontare la quotidianità e che, al tempo stesso, faticano a trovare soluzioni facilmente percorribili, condivise e adeguate, al fine di superare le inevitabili criticità. Il calibro delle diverse problematiche e le sfide che la scuola di oggi deve affrontare, proprio a partire da una popolazione scolastica sempre più diversificata, è potenziato anche dalle trasformazioni che l’avvento dell’era digitale ha portato con sé. Il contributo approfondisce la possibile proposta della differenziazione didattica per l'inclusione di tutti e di ciascun alunno, partendo dal presupposto che oggi più che mai nell'insegnamento occorre tener ben presenti le molteplici necessità di ciascun allievo presente in aula. Differenziare la didattica, secondo Carol Ann Tomlinson, non vuol dire possedere un set di strategie, bensì avere un modo chiaro e preciso di pensare l'insegnamento e l'apprendimento. Questo "way of thinking" ci appare, pertanto, come la scelta obbligata per l'inclusione.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The challenge of didactic differentiation
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteOgnuno è speciale. Strategie per la didattica differenziata
EditorL d'Alonzo
Pagine38-68
Numero di pagine31
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019

Keywords

  • Bisogni educativi speciali
  • Differentiated Classroom
  • Differenziazione didattica
  • Strategie didattiche
  • inclusione

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'La sfida della differenziazione didattica'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo