La rischiosità delle azioni bancarie nel periodo 2000-2010

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Nel periodo 2000-2010 il rischio delle azioni bancarie è significativamente mutato sia per livello sia per composizione. Il beta – cioè l’indicatore di rischio sistematico – dei titoli bancari è raddoppiato nel periodo 2000-2010, mentre il livello attuale del rischio specifico è allineato al livello osservato agli inizi del decennio scorso. Si è osservato un aumento transitorio del rischio specifico in corrispondenza della crisi finanziaria, aumento che è stato successivamente riassorbito con un movimento di ritorno verso la media. Nel contempo si è assistito a una significativa ricomposizione delle fonti di rischio delle azioni bancarie, con il rischio sistematico che ha assunto una quota del rischio totale superiore sia a quella precedente la crisi finanziaria del 2007-2009 sia a quella degli inizi del decennio scorso. La quota di rischio totale riconducibile all’andamento del mercato, e quindi al rischio sistematico, si colloca comunque nell’ultimo triennio nell’intorno del 35%. Ciò implica che le informazioni specifiche alla banca spiegano ancora la maggior parte del rischio complessivo.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The riskiness of bank shares in the period 2000-2010
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)56-66
Numero di pagine11
RivistaOSSERVATORIO MONETARIO
Stato di pubblicazionePubblicato - 2011

Keywords

  • banche
  • rischio sistematico

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'La rischiosità delle azioni bancarie nel periodo 2000-2010'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo