La raccolta di mottetti di Federico Malgarini (1618): uno spaccato di vita musicale mantovana tra routine e vivacità culturale

Licia Mari

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

The paper analyzes the collection Mottetti a una, due, tre e quattro voci col basso continuo per l’organo (Venezia, Giacomo Vincenti, 1618), edited by Federico Malgarini (himself a musician and a cantor for the basilica of S. Barbara). In the dedication of this collection, Malgarini declares of having gathered «with care and dedication» compositions by other musicians employed by the Duke of Mantua. Thus, the analysis of these motets offers us some valuable insights not only on textual and compositional choices, but on the Mantuan cultural and music scene as well. Indeed, Malgarini gathered pieces from several artists. Some of them were singers, like Francesco Rasi, who, in 1607, played the role of Orpheus in the eponymous opera by Claudio Monteverdi. In the collection we can find also the maestri di cappella Amante Franzoni and Francesco Dognazzi, Ottavio Bargnani, organist, and the brothers Orazio and Giovan Battista Rubini, violinists
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Federico Malgarini's collection of motets (1618): a cross-section of Mantuan musical life between routine and cultural vivacity
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteBarocco Padano 3, Atti dell’XI Convegno internazionale sulla musica italiana nei secoli XVII-XVIII
Pagine405-421
Numero di pagine17
Stato di pubblicazionePubblicato - 2004
EventoBarocco Padano - BRESCIA -- ITA
Durata: 16 lug 200118 lug 2001

Convegno

ConvegnoBarocco Padano
CittàBRESCIA -- ITA
Periodo16/7/0118/7/01

Keywords

  • Malgarini, Federico
  • vocal sacred music
  • Mantua
  • Motets

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'La raccolta di mottetti di Federico Malgarini (1618): uno spaccato di vita musicale mantovana tra routine e vivacità culturale'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo