Abstract

[Ita:]I sentimenti che fanno crescere non sono solo i “buoni” sentimenti, anzi: i “cattivi” sentimenti impegnano in uno sforzo – di comprensione, di accettazione, di trasformazione… - che sollecita la volontà, la scelta, la decisione, la fatica… da cui scaturiscono la virtù e il merito. Ma per trasformare un impulso distruttivo in qualcosa di positivo è necessario comprendere le dinamiche sottese al sentire, imparare ad avere consapevolezza della propria vita emotiva, a valutare le conseguenze che possono scaturire da gesti impulsivi e parole arrabbiate. Pedagogicamente, il problema è: in che modo un soggetto può essere aiutato a incanalare le sue forze aggressive in attività più costruttive, come il gioco e in seguito il lavoro? Il saggio si sofferma sui motivi più ricorrenti che, fin dalla primissima infanzia, inducono un soggetto a provare emozioni forti come la rabbia, l’aggressività, l’odio; e fornisce indicazioni utili per educarsi ed educare alla gestione di vissuti tanto profondi e laceranti senza esserne travolti.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Anger
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteGuardiamoci in un film. Scene di famiglia per educare alla vita emotiva
Pagine114-132
Numero di pagine19
Stato di pubblicazionePubblicato - 2011

Serie di pubblicazioni

NomeVita emotiva e formazione

Keywords

  • aggressiveness
  • aggressività
  • early childhood
  • education
  • educazione
  • feelings
  • prima infanzia
  • sentimenti

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'La rabbia'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo