La precarietà degli oggetti

Carla Lunghi (Editor), Maria Antonietta Trasforini (Editor)

Risultato della ricerca: LibroOther report

Abstract

[Ita:]L’insolita relazione fra estetica e povertà è al centro della ricerca presentata in questo volume. In tale inconsueta prospettiva, usando interviste, osservazioni etnografiche, foto, le autrici hanno esplorato il ruolo svolto da certi oggetti ‘belli’ nella vita quotidiana di un gruppo di persone che vivono in condizioni di indigenza. La coppia ‘estetica e povertà’ apparentemente provocatoria, è in realtà meno eccentrica di quanto appaia a prima vista, a condizione però di ridefinire i due termini della questione. La prima ri-definizione riguarda il termine estetica, da non intendere come una proprietà rara di certi oggetti ma come una modalità relazionale fra individui e cose, capace di raccontare come certi oggetti ritenuti belli ‘agiscano’ nella vita delle persone anche in contesti di povertà. L’altro presupposto è di considerare la povertà come una condizione mobile, costituita di continue negoziazioni fra uno stato di necessità e una - seppur limitata – possibilità di scelta. I tanti oggetti mostrati e fotografati e le molte storie ascoltate raccontano di un’estetica attiva e quotidiana, collocabile all’incrocio fra l’estetica dell’esistenza di Foucault e le pratiche del quotidiano di De Certeau, in cui certi oggetti, più di altri, diventano deposito di affetti e di memoria, strumenti di rappresentazione pubblica del sé, dispositivi di narrazione e di documentazione del passato fino a svolgere un’azione di consolazione e di contenimento psicologico.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The precariousness of objects
Lingua originaleItalian
EditoreDonzelli
Numero di pagine184
ISBN (stampa)9788860364647
Stato di pubblicazionePubblicato - 2010

Keywords

  • Aesthetics
  • Cultura materiale
  • Estetica
  • Material culture
  • Objects
  • Oggetti
  • Poverty
  • Povertà

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'La precarietà degli oggetti'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo