La potatura meccanica del nocciolo, ulteriori indagini nel Monferrato.

Alessandro Roversi, Alberto Pansecchi, Gian Luca Malvicini

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Una potatura vera e propria come quella applicata alle altre specie da frutto, in Italia al nocciolo non viene usualmente applicata, limitandosi generalmente alla spollonatura, all’eliminazione delle “stanghe” vecchie ed esaurite e ad un’eventuale “rimonda” della chioma. Per tale specie potrebbe quindi sembrare inopportuno suggerire la meccanizzazione della potatura. Considerando, tuttavia, l’enorme risparmio di tempo e, quindi, di costi, questa pratica, dopo iniziali comprensibili diffidenze, ha cominciato a suscitare interesse e a diffondersi tra i corilicoltori piemontesi. Ricerche in merito vennero affrontate dall’ICA di Piacenza già dal 1999 (Roversi et al., 2002) e successivamente proseguite nelle Langhe (Roversi et al., 2007; Ughini et al., 2008; Roversi et al., 2008; Sonnati et al., 2008) e nel Monferrato (Roversi et al., 2009 b). Tra i risultati ottenuti se ne ricordano di negativi quali la perdita di un 20-30 % della produzione nell’anno di effettuazione e di positivi, quali il recupero produttivo negli anni successivi e un miglioramento qualitativo già dall’anno stesso della potatura. Al fine di approfondire gli effetti della potatura negli anni successivi alla sua effettuazione, sono state proseguite precedenti indagini (Roversi et al., l.c.) svolte nel Monferrato.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Mechanical pruning of the core, further investigations in Monferrato.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)46-50
Numero di pagine5
RivistaRIVISTA DI FRUTTICOLTURA E DI ORTOFLORICOLTURA
Volume2011
Stato di pubblicazionePubblicato - 2011

Keywords

  • Hazelnut
  • Nocciolo
  • potatura
  • pruning

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'La potatura meccanica del nocciolo, ulteriori indagini nel Monferrato.'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo