La parziale illegittimità costituzionale dell’art. 702 ter co. 2 cod. proc. civ., perduranti problemi a valle della pronuncia della Corte costituzionale.

Riccardo Martinoli*

*Autore corrispondente per questo lavoro

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Lo scritto intende analizzare l’arresto della Corte costituzionale che dichiara illegittima la disposizione di cui al co. 2, art. 702 ter cod. proc. civ. e individua in capo al giudice adito nelle forme sommarie il potere di disporre il mutamento del rito, laddove il convenuto proponga una domanda riconvenzionale devoluta alla cognizione collegiale, ma pregiudiziale rispetto a quella proposta in via principale. La soluzione cui giunge la Corte, già ampiamente prospettata dalla dottrina, lascia irrisolte varie questioni, laddove non prevede un dovere in capo al giudice del sommario di convertire il rito, ma soltanto un potere di natura discrezionale che, pertanto, non esclude il rischio - pur avvertito dalla medesima Corte costituzionale - del conflitto fra giudicati.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The partial constitutional illegitimacy of art. 702 ter co. 2 cod. proc. civ., continuing problems following the ruling of the Constitutional Court.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)546-557
Numero di pagine12
RivistaLA NUOVA GIURISPRUDENZA CIVILE COMMENTATA
Volume2021
Stato di pubblicazionePubblicato - 2021

Keywords

  • PROCESSO SOMMARIO DI COGNIZIONE

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'La parziale illegittimità costituzionale dell’art. 702 ter co. 2 cod. proc. civ., perduranti problemi a valle della pronuncia della Corte costituzionale.'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo