La natura, il tempo, la morte dell'uomo. Necessità dell'antropologia: Schelling (1809-1821)

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Studiando la filosofia schellinghiana successiva alle Ricerche filosofiche sull'essenza della libertà umana, emerge potente un interrogativo sull'essere dell'uomo, che si trova a dover esperire la perdizione e l'abbandono d'essere. Nessuna soteriologia e nessun dio garantiscono questo abbandono. L'esserci ed essere-lì dell'uomo è piuttosto un "patibilissimo" vivere. La soggettività di quest'uomo è ormai per sempre "post-idealistica", avendo annichilito la propria medesima tensione all'assoluto dell'autocoscienza.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Nature, time, man's death. Need for anthropology: Schelling (1809-1821)
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteDalla materia alla coscienza. Studi su Schelling in ricordo di Giuseppe Semerari
Pagine273-308
Numero di pagine36
Stato di pubblicazionePubblicato - 2000

Keywords

  • Einbildungskraft
  • F.W.J. Schelling
  • Natur
  • Ontologie
  • Tod
  • Zeit
  • immaginazione
  • morte
  • natura
  • ontologia
  • tempo

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'La natura, il tempo, la morte dell'uomo. Necessità dell'antropologia: Schelling (1809-1821)'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo