Abstract

[Ita:]L’oggetto di studio alla base di questo libro è la cosiddetta “diarchia”, il particolare fenomeno politico-istituzionale creatosi nel corso del Ventennio fascista, costituito dalla compresenza di un Capo di Stato e un vertice esecutivo dal ruolo simbolico e poteri affini. Basato su una ricca documentazione, questo libro approfondisce in particolare il ruolo della Corona rispetto alle istituzioni fasciste – come il Partito Nazionale Fascista, la milizia, il Gran Consiglio , le associazioni corporative e, non ultima, la figura del Duce – e racconta, quindi, di come si attuò la “monarchia fascista”, ricostruendo le schermaglie e gli accordi che ne segnarono il corso proprio nella prospettiva della storia delle istituzioni politiche, e in quella dei simboli, dei riti, dei cerimoniali, delle apparizioni pubbliche. In quanto principalmente concentrato sulla figura del Re e dei suoi rapporti con le istituzioni fasciste, questo lavoro introduce quindi una prospettiva innovativa nell’ambito degli studi contemporanei dedicati al periodo fascista. Ne risulta un delicato gioco di equilibri in cui difficile dire se fu il fascismo a giovarsi della monarchia, o la monarchia del fascismo.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The fascist monarchy. 1922-1940
Lingua originaleItalian
EditoreIl Mulino
Numero di pagine264
ISBN (stampa)8815138943
Stato di pubblicazionePubblicato - 2010

Keywords

  • fascismo
  • monarchia

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'La monarchia fascista. 1922-1940'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo