La leale collaborazione tra intese deboli e forti: una contrapposizione sbiadita

Alessandro Candido

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Il contributo si sofferma sulla sentenza della Corte costituzionale n. 1 del 2016, con la quale il giudice delle leggi è nuovamente intervenuto sul principio di leale collaborazione tra Stato e Regioni per precisarne i contorni e, in particolare, ha reso evanescente il confine tra intese forti e intese deboli, superando definitivamente siffatta distinzione. Muovendo da tali presupposti, de iure condendo, si riflette altresì sull’impatto del progetto di riforma costituzionale (recentemente approvato e sottoposto a referendum) sul sistema delle Conferenze.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Loyal collaboration between weak and strong agreements: a faded contrast
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)15-24
Numero di pagine10
RivistaGIURISPRUDENZA COSTITUZIONALE
Stato di pubblicazionePubblicato - 2016

Keywords

  • conferenza
  • intese deboli
  • intese forti
  • leale collaborazione

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'La leale collaborazione tra intese deboli e forti: una contrapposizione sbiadita'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo