La ginnastica nella scuola per gli anormali psichici: l’esperienza dell’Istituto San Vincenzo di Milano tra Otto e Novecento

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

[Ita:]L’Istituto San Vincenzo fu fondato a Milano alla fine del XIX secolo per iniziativa di don Luigi Casanova, già direttore del Pio Istituto sordomuti poveri di campagna della stessa città. Fornendo risposta ai bisogni educativi degli anormali psichici che risiedevano sul territorio meneghino, l’Istituto, finanziariamente supportato dalla privata beneficenza, ebbe immediato successo, poiché colmava un’importante lacuna nell’ambito dell’assistenza alla cittadinanza. Lo scopo principale dell’Istituto era l’integrazione del disabile nella società, attraverso un’educazione intellettuale, morale e religiosa, nonché tramite una formazione professionale. Un posto di rilievo era occupato dall’educazione fisica, che si traduceva sia nell’insegnare ai fanciulli le conoscenze basilari sull’igiene e sulla sana nutrizione, sia nel proporre loro adeguati esercizi ginnici. La ginnastica era considerata un valido strumento educativo perché, attirando il bambino con la sua piacevolezza, ne promuoveva nel contempo l’attenzione, seriamente compromessa nei deficienti, e consentiva di prendere consapevolezza del proprio corpo. Dati i risultati positivi di questo tipo di educazione, furono formate due squadre sportive interne all’Istituto, denominate "Gli Ultimi" (bambini e ragazzi dagli 8 anni) e "I Minimi" (bambini tra i 5 e i 7 anni), che partecipavano alle competizioni locali e nazionali. Al di là dei nomi delle squadre, espressione di un pregiudizio culturale nei confronti degli anormali, le gare permettevano ai ragazzi di percepirsi quale parte attiva di quella gioventù italiana riunita per mostrare i nobili risultati ottenuti a seguito di una scrupolosa cura fisica. Il presente contributo, facendo sintesi dei risultati emersi da una ricerca bibliografica e archivistica, evidenzia l’investimento posto dall’Istituto San Vincenzo sulla cura fisica dei bambini deficienti.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Gymnastics in the school for abnormal psychics: the experience of the San Vincenzo Institute in Milan between the nineteenth and twentieth centuries
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLa scuola tra saperi e valori etico-sociali. Politiche culturali e pratiche educative
Pagine70-79
Numero di pagine10
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019
EventoConvegno Nazionale SIPED “La scuola tra saperi e valori etico-sociali. Politiche culturali e pratiche educative” - Bari
Durata: 18 ott 201819 ott 2018

Serie di pubblicazioni

NomeSOCIETÀ ITALIANA DI PEDAGOGIA

Convegno

ConvegnoConvegno Nazionale SIPED “La scuola tra saperi e valori etico-sociali. Politiche culturali e pratiche educative”
CittàBari
Periodo18/10/1819/10/18

Keywords

  • Anormali psichici
  • Educazione fisica
  • Istituto San Vincenzo di Milano
  • XIX-XX secolo

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'La ginnastica nella scuola per gli anormali psichici: l’esperienza dell’Istituto San Vincenzo di Milano tra Otto e Novecento'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo