La fabbrica come figura delle distopie videoludiche

Francesco Toniolo

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Il saggio analizza le modalità rappresentative delle fabbriche nei videogiochi in rapporto ai mondi finzionali distopici. La rappresentazione della fabbrica, il ruolo che ricopre all’interno di una narrazione, il suo legame con elementi di game design, costituiscono alcuni snodi intorno a cui questi edifici si sono costituiti come concrete incarnazioni di ideali o sistemi di potere distopici. La ricerca è introdotta da una breve ricognizione sulle fabbriche nei videogiochi. Vengono poi presentati tre modelli progressivi, legati a tre esempi concreti: Beyond Good & Evil (Ubisoft, 2003), Amnesia: A Machine For Pigs (The Chinese Room, 2013) e NieR: Automata (Platinum Games, 2017). Il contributo si chiude con una quarta categoria legata ai videogiochi più esplicitamente politici.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The factory as a figure of videogame dystopias
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)153-164
Numero di pagine12
RivistaGRISELDAONLINE
DOI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • industria
  • videogioco
  • dittatura
  • gameplay
  • industry
  • video game
  • dictatorship

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'La fabbrica come figura delle distopie videoludiche'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo