La disponibilità dei consumatori a pagare per la salubrità del cibo: il caso delle micotossine nel latte

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Data l’importanza che i consumatori attribuiscono alla salubrità alimentare, le aziende agro-alimentari private potrebbero adottare pratiche volontarie che mirino a garantire e preservare questo attributo. In questo contesto, una migliore comprensione della percezione e del valore del rischio sperimentato dai consumatori potrebbe aiutare sia le aziende private che le istituzioni pubbliche ad intraprendere iniziative orientate al miglioramento della salubrità del cibo. Questo articolo sintetizza i risultati di un esperimento atto a determinare la percezione e la valutazione economica, da parte dei consumatori, dei rischi da micotossine nel cibo stimando la disponibilità a pagare di un campione di consumatori italiani per una “ipotetica” bottiglia di latte ottenuto da vacche nutrite anche con mais certificato per il rispetto delle buone pratiche agricole e manifatturiere lungo la filiera.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The willingness of consumers to pay for the healthiness of food: the case of mycotoxins in milk
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)94-97
Numero di pagine4
RivistaAGRIREGIONIEUROPA
Stato di pubblicazionePubblicato - 2014

Keywords

  • MICOTOSSINE

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'La disponibilità dei consumatori a pagare per la salubrità del cibo: il caso delle micotossine nel latte'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo