La dimensione religiosa e l’adattamento alla pandemia: un confronto preliminare tra credenti, atei e agnostici

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Recenti studi evidenziano come il diffondersi della pandemia da COVID-19 e le relative misure restrittive adottate per contenerla abbiano un impatto negativo sul livello di benessere delle persone. La dimensione della religiosità è considerata una risorsa per poter fronteggiare le situazioni di emergenza. Il presente contributo intende indagare l’esistenza di differenze tra credenti, atei e agnostici in termini di adattamento alla pandemia. Un campione di 325 partecipanti (età: 18-74 anni) ha compilato strumenti per misurare: identità religiosa, benessere percepito, presenza e ricerca di significato, impatto del COVID. I risultati evidenziano nei credenti un livello più elevato di presenza/ricerca di significato, senso di connessione e comportamenti altruistici.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The religious dimension and adaptation to the pandemic: a preliminary comparison between believers, atheists and agnostics
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)1-8
Numero di pagine8
RivistaPSICOLOGIA DELLA RELIGIONE E-JOURNAL
Volume7
DOI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • benessere
  • religione

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'La dimensione religiosa e l’adattamento alla pandemia: un confronto preliminare tra credenti, atei e agnostici'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo