Abstract

[Ita:]Travolti dall'onda della personalizzazione della politica e dai ritmi della società dello spettacolo, i partiti hanno ormai modificato il loro volto e sono irrimediabilmente distanti dalle macchine politiche novecentesche. Oggi i partiti sembrano a molti soltanto maschere che celano, maldestramente, interessi di piccole e grandi consorterie, presenze fantasmatiche senza più consistenza, destinate a rimanere tra le memorie di un mondo definitivamente perduto. Ci sarà, dunque, una democrazia senza partiti? Saranno direttamente i cittadini a incidere sulle scelte politiche senza l'intermediazione di strutture organizzate? O, piuttosto, dovremo fare i conti con una nuova modalità di partito, più leggera e fluida, in grado di intercettare i mutamenti nelle domande della società e dei suoi settori? Sono gli interrogativi che muovono le riflessioni di Damiano Palano. La sua ricostruzione del processo di trasformazione delle 'gabbie d'acciaio' del XX secolo verso i partiti 'liquidi' odierni e futuri porta in primo piano il cuore del problema: dare sostanza reale a quell'oggetto misterioso e inafferrabile che siamo soliti chiamare 'democrazia europea'.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Democracy without parties
Lingua originaleItalian
EditoreVita e Pensiero
Numero di pagine136
ISBN (stampa)978-88-343-2893-4
Stato di pubblicazionePubblicato - 2015

Keywords

  • Democracy
  • Democrazia
  • Partiti
  • Political Parties

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'La democrazia senza partiti'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo