La cultura della conservazione a Bologna tra ripristini e mostre d’arte nei primi decenni del Novecento

Luca Ciancabilla

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Nei primi trent'anni del Novecento Bologna era una delle capitali italiane del restauro architettonico grazie all'opera di Alfonso Rubbiani prima e Guido Zucchini poi. In quell'epoca felice ai tenti restauri ancora oggi dibattuti si aggiunsero iniziative scientifiche ed espositive che favorirono la scoperta di capolavori dell'arte pittorica italiana e l'avvio di filoni di studio nel campo della pittura italiana ancora oggi oggetto di interesse e di indagini internazionali.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The culture of conservation in Bologna between restorations and art exhibitions in the early decades of the twentieth century
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)147-183
Numero di pagine37
RivistaPROPORZIONI
VolumeV
Stato di pubblicazionePubblicato - 2004

Keywords

  • Bologna
  • Restauro

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'La cultura della conservazione a Bologna tra ripristini e mostre d’arte nei primi decenni del Novecento'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo