La continuazione della guerra contro la Persia dopo il 478 nella tradizione plutarchea

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Sul tema della continuazione della guerra contro la Persia dopo il 478, Plutarco costituisce una fonte molto dettagliata, con presenza di notizie uniche e un marcato interesse biografico, che si concentra sulle figure di Aristide e di Cimone. Il biografo appare molto interessato a questo tema, nel cui ambito sottolinea la stabilità dell’alleanza ellenica antipersiana sotto la guida ateniese. La tradizione su cui si basa è coerente e ben informata, più attenta al ruolo dei singoli (come già Aristotele e Diodoro) rispetto a Erodoto e Tucidide, indifferente al contrasto Atene/Sparta che è lasciato sullo sfondo. Questo interesse può riflettere, oltre all’orientamento delle fonti utilizzate da Plutarco, anche gli interessi contemporanei, legati da una parte al risveglio della coscienza nazionale greca nel contesto culturale della Seconda Sofistica, dall’altra alle campagne di Traiano in Dacia e Partia.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The continuation of the war against Persia after 478 in the Plutarchean tradition
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospitePlutarque et la guerre/Plutarco e la guerra
EditorF. Gazzano, G. Traina, J.-Chr. Couvehnes
Pagine209-221
Numero di pagine13
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019

Keywords

  • Guerra
  • Plutarch
  • Plutarco
  • War

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'La continuazione della guerra contro la Persia dopo il 478 nella tradizione plutarchea'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo