Abstract

[Ita:]L’idea di affrontare il tema della conflittualità e del rapporto con l’altro può apparire nel caso del sedicente Stato islamico (Is), in arabo Dawla al-Islamiyya o anche Dawla Islamiyya fi Iraq wa Sham (Stato Islamico nell’Iraq e nel levante - Isis o Daish) un esercizio prettamente retorico, quasi tautologico. Il carico di violenza che sottende l’attività di Is e la sua brama espansionistica contro tutto e tutti, infatti, sono gli aspetti che più connotano l’azione del movimento retto da Abu Bakr al-Baghdadi – questo anche alla luce del fatto che per Is la distinzione tra avversario (inimicus) e nemico (hostis) non ha di per sé alcuna valenza. Non è di fatto riconosciuto uno spazio sociale o politico minimamente condiviso all’interno del quale concedere all’altro un reale diritto di esistenza, al di fuori della sottomissione e della spogliazione. Ciò è vero anche nei confronti della medesima dimensione musulmana, come dimostrato dal ricorso continuo allo strumento del takfir, e per gli stessi altri attori della galassia jihadista non disposti a riconoscere l’autorità del “nuovo Califfo”. È evidente che qualsiasi diversità, alterità o contrapposizione sia interna al mondo a cui questi soggetti si riferiscono che, a maggior ragione, all’esterno di questo è interpretata secondo la dimensione del nemico e mai come avversario. Un nemico verso cui non è concessa esitazione o pietà alcuna. L'analisi si propone di approfondire il rapporto che Is ha stabilito tra il nemico, nei suo molteplici volti, e la dimensione della comunicazione mediatica, concentrandosi sulla definizione di chi sia realmente l’oggetto della violenza di questo gruppo e del perché esso sia stato incluso nella categoria di hostis. Infatti, ancor più dei risultati effettivi conseguiti sul campo, Is è riuscita a far risuonare prepotentemente il proprio messaggio attraverso l’abile rappresentazione del nemico, umiliato e sconfitto. Inoltre, nel saper alimentare efficacemente questo rapporto, Is è stata in grado di sincronizzare la sua attività unendo dimensione locale, regionale e internazionale, sostenendo al contempo una campagna di reclutamento e diffusione del terrore su tutti i livelli disponibili.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The centrality of the enemy in the al-Baghdadi caliphate
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteTwitter e jihad: la comunicazione dell'ISIS
Pagine1-180
Numero di pagine180
Stato di pubblicazionePubblicato - 2015

Keywords

  • isis
  • jihadismo
  • nemico
  • stato islamico
  • terrorismo

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'La centralità del nemico nel califfato di al-Baghdadi'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo