Abstract

[Ita:]Sulla base delle recente storiografia, il saggio si propone di mettere a fuoco i principali compiti assunti dai vescovi, con un particolare focus sulla penisola italiana, a partire dal V-VI secolo. Il vescovo, fortemente legato alla città sede della sua cattedra e centro della diocesi, divenne l'interlocutore del regno, con riconosciute funzioni di governo sui suoi concives, fu visto come il garante della pace interna alla città e, soprattutto, come il difensore dei poveri, e dei più deboli, soprattutto gli orfani e le vedove. Vengono infine brevemente esaminati due casi significativi di queste attitudini episcopali relativi alla diocesi di Bologna: Gerardo de Gisla, promotore delle operre di pietà e delle nuove forme di religiosità e Niccolò Albergati, attivo nella riforma del clero e nella cura e nell'istruzione dei meno abbienti.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The charity of the bishop of Bologna
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLa carità del vescovo nella Chiesa di Bologna. Isstituzioni, iniziative, figure dal medioevo al concilio Vaticano II
EditorP Foschi
Pagine1-24
Numero di pagine24
Stato di pubblicazionePubblicato - 2022

Keywords

  • storiografia sui vescovi
  • Niccolò Albergati
  • decime
  • vescovo-città
  • vescovi-università
  • concilio IV lateranense
  • Gerardo de Gisla
  • historiography on bishops
  • charity
  • Tithes
  • bishop-city
  • bishops and university
  • 4th lateran Council
  • carità

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'La carità del vescovo di Bologna'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo