Ken Follett contro Tolkien, cosa non si fa per un pizzico di ‘eternità’

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Cosa non si fa per lanciare una propria fatica letteraria sul mercato editoriale internazionale… Persino un pezzo da novanta come Ken Follett, scrittore gallese (1949-) dai monumentali successi commerciali, può adottare strategie di basso profilo letterario e culturale per pubblicizzare il suo Edge of Eternity, terzo volume della Century Trilogy, pubblicato nel 2014 sia in inglese, sia nella versione italiana di Mondadori. Follett, infatti, non ha trovato di meglio che concentrare le sue energie polemiche ed i suoi strali contro J. R. R. Tolkien (1892-1973) in un’intervista al New York Times del 4 settembre 2014, ripresa in Italia dal settimanale Io Donna del Corriere della Sera del 13 settembre. Ora, al di là di quanto si può concepire e formulare nei 140 caratteri di twitter, ci sono almeno tre questioni di più ampio respiro tolkieniano che varrebbe la pena affrontare per disinnescare la giornalistica superficialità dell’approccio con cui lo scrittore gallese accosta la narrativa del professore di Oxford.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Ken Follett against Tolkien, what is not done for a pinch of 'eternity'
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)-
RivistaIL SUSSIDIARIO.NET
Stato di pubblicazionePubblicato - 2014

Keywords

  • J. R. R. Tolkien
  • Ken Follett
  • fantasy fiction

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Ken Follett contro Tolkien, cosa non si fa per un pizzico di ‘eternità’'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo